In questo numero


Questo numero della nostra rivista ha un contenuto obbligato. Infatti racchiude alcuni dei numerosi interventi che si sono succeduti nelle 3 giornate di Convegno che si è tenuto nell’aprile ‘89 a Salsomaggiore.


Voleva essere
un convegno di verifica del cammino dei PO:

Qualche anno dopo…”

cioè:

 

1) un tempo per approfondire e capire ‘Chi siamo diventati’ in questi anni di cammino nella condizione operaia, nella quotidianità del lavoro, nella esposizione alle lotte alle quali abbiamo partecipato, nel vivere la compagnia della fede in Gesù di Nazaret

 

2) un tempo per ricercare ‘Quello che ci lega’ ancora come collettivo di PO oltre alla storia comune. ‘Vi è un compito, un kairos, nel quale ci riconosciamo ed al quale attribuiamo la stessa doverosità di quella avvertita alcuni anni fa e che ci ha fatto decidere di entrare in condizione operaia?
L’intuizione di fondo è ancora viva e robusta o si è stemperata nella dispersione alla quale questi anni ci hanno sottoposti?’

 

3) un tempo per verificare se è possibile progettare insieme. Dato per assodato che ciascuno di noi, nella sua realtà, cerca di dare corpo a quelle progettualità che nel tempo si sono definite, è immaginabile che collettivamente possiamo proporci qualche progetto, certamente parziale, ma al quale contribuire insieme?


Gli interventi qui pubblicati esprimono una buona parte delle diverse risposte date a queste domande nel corso del nostro convegno: purtroppo, non tutti sono riusciti a farci pervenire il testo dei loro interventi o delle loro proposte fatte.
E purtroppo ancora, in questi atti manca un capitolo importante: una serie di tabelle che danno il quadro aggiornato della situazione dei PO italiani, raccolto nella fase iniziale del convegno: mancandoci ancora i dati esatti di alcune regioni, abbiamo deciso di rinviare la pubblicazione di questo “capitolo” al prossimo numero.


Il Collettivo redazionale