Saluti dalla Brexit

Ci scrivono (1)


Mario dal suo eremo tiene i contatti con Luca Filippi.
Per alcuni anni Luca ha lavorato a Roma, in stretto contatto con i Rom.
Poi è partito per condividere la vita dei migranti.
Prima in Romania, lavorando alle dipendenze dell’Ikea.
Dieci ore di lavoro al giorno per 200 euro al mese.
Ora si trova a Londra e ci manda i suoi saluti dalla City.

 

Tutto bene, sempre in quel di Londra, al lavoro…
un abbraccio a te e a tutti gli amici.
Luca

.

Mi piacerebbe sapere che tipo di lavoro, la tua vita, etc.
Ciao. Mario

.

Ecco sì. Il lavoro è lavoro di facchinaggio carico e scarico di roba alcolica che se ne va in giro per il mondo.
Il capannone dove lavoro si trova in un’area industriale della periferia ovest di Londra…
Con i miei amici stiamo in affitto condividendo la casa con i padroni di casa in attesa di una sistemazione per conto nostro in una zona che si chiama Neasden.

Per l’Eucarestia celebro in una comunità della mia zona, periferia ovest di Londra…

Bah, questo è il tutto…
Ora che questo paese, che se la spassa sulle spalle dei migranti, sta fuori dall’Europa ci sentiamo tutti un pochino più extracomunitari…

Per il resto bene e si va avanti, felicissimo dei passi che Dio mi ha dato la Grazia di fare.

Un abbraccio Mario a te e a tutti…a presto.

Luca Filippi